chi siamo
in bottega attività culturali cittadini scuole e associazioni aziende e PA
 

Formazione / Scuola Primaria e Secondaria di I grado



 

LABORATORI DIDATTICI
Primaria e secondaria di I grado

Affrontano i temi delle diseguaglianze nella distribuzione delle risorse e quello dei diritti dei bambini, propongono attività laboratoriali specifiche per fasce le differenti di età.

I percorsi all’anno scolastico 2021-2022 sono gratuiti.

Download pesentazione pdf

 


Obiettivi

  • Promuovere uno spirito di collaborazione attraverso lo scambio di esperienze.
  • Avvicinare i bambini a culture e realtà sociali diverse dalle nostre, apparentemente lontane.
  • Potenziare la creatività e sviluppare linguaggi extra verbali.
  • Conoscere l'interdipendenza economica tra Nord e Sud del mondo e i meccanismi che generano impoverimento e sottosviluppo.
  • Acquisire una maggiore consapevolezza del ruolo essenziale del consumatore nella catena della produzione e nelle dinamiche di sfruttamento.
  • Conoscere i principi e i criteri del commercio equo e solidale presentato come possibile alternativa.

Metodi e strumenti

Giochi, fiabe, filastrocche, drammatizzazioni con scenografia, costumi, trucchi, video che abbiano contenuti attinenti alle problematiche da affrontare.

Modulo 1 | Economia
     


IL COMMERCIO EQUO SCUSI COS'E'?


Scuola primaria
(Classi IV e V)
 
Scuola Secondaria
di I grado

Destinatari
 una classe di circa 25 ragazzi

Durata
2 incontri
5 ore complessive
(3+2 ore)

 


Le dinamiche di interdipendenza Nord – Sud del mondo e i principi del Commercio Equo e Solidale rispetto al caso emblematico del caffè, possibili varianti con cacao, cotone.

Si tratta di un gioco di ruolo in cui i ragazzi saranno coinvolti attivamente per  sperimentare alcuni meccanismi del commercio internazionale e introdurre il meccanismo di funzionamento del commercio equo e solidale.

È un gioco coinvolgente e concreto durante il quale i ragazzi tenderanno a immedesimarsi nei ruoli da loro interpretati: nello specifico, i partecipanti saranno divisi in gruppi che rappresentano diversi paesi, alcuni produttori del Sud, altri consumatori del Nord e dovranno confrontarsi con attori  istituzionali quali le multinazionali, la borsa merci, gli operatori del commercio equosolidale.

Quanto siamo consapevoli delle conseguenze che può avere il nostro stile di consumo sulla vita di persone che vivono in altri paesi?
I meccanismi del commercio internazionale sono equi o vanno a discapito dei paesi più poveri?

Questo laboratorio vuole essere uno stimolo per iniziare a riflettere sul ruolo che ciascuno di noi riveste come consumatore, e sul concetto di responsabilità personale.
A partire da un'analisi della realtà, metteremo in comune le possibili alternative, non ultima quella di un commercio più equo e solidale.

Obiettivo
Conoscere alcuni meccanismi dell’economia mondiale e  la realtà del Commercio Equosolidale

 

     
Modulo 2 | Prodotti buoni per chi li produce e per chi li consuma
     


IL MONDO A COLAZIONE


Scuola Primaria

 Destinatari
una classe di circa
25 bambini

Durata

3 ore


 


Da dove viene il cacao che metto al mattino nel latte?
Chi ha seccato le foglie del tè? E lo zucchero di canna? E i cereali?

Dall'esperienza quotidiana di ciascun bambino, con giochi ed attività tese a favorire la partecipazione, si propone un percorso introduttivo sulla provenienza dei prodotti e sulle loro caratteristiche biologiche.
 
Si invita a raccontare, anche attraverso attività grafiche, il proprio vissuto riguardante il momento della colazione per raffrontarlo con gli usi e costumi dei coetanei che vivono in Paesi di altre latitudini.

Obiettivo
Conoscere, manipolare, sensibilizzare i bambini a un concetto diverso di colazione.

     


IL MONDO E' BELLO PERCHE' VARIO

Scuola primaria
(classi IV e V)

 Scuola Secondaria
di I grado

Destinatari
una classe di 25 ragazzi

Durata
2 ore e mezza


 


Tutti mangiamo ma non sappiamo spesso da dove provengano i prodotti che quotidianamente troviamo sulle nostre tavole, la lunga strada che devono percorrere e il costo effettivo all’origine.

Probabilmente non ci siamo mai chiesti se ci siano differenze tra le varietà di pomodori o di patate e se sia più economico coltivare una sola qualità.

Obiettivo
Attraverso un gioco di ruolo i ragazzi potranno comprendere l’importanza della diversità genetica  per la salute nostra e delle nostre coltivazioni.
     

IL PROFUMO DELLA BIODIVERSITA'




Scuola Primaria e
Secondaria di I grado

Destinatari
una classe di 25 ragazzi

Durata
2 ore
 


Indovina la spezia


Il laboratorio didattico “indovina la spezia“ si propone di condurre i ragazzi attraverso l’uso dei cinque sensi a riconoscere le diverse spezie, ad abbinarle a foto delle rispettive piante e a scoprire la loro storia.

In questo modo cecheremo di approfondire lo stretto legame tra coltivazione delle spezie e colture tradizionali.

Si conclude l’esperienza con la creazione di un Masala (miscela di spezie, dolce o salato) da portare a casa.

Obiettivo

Attraverso la conoscenza del profumato, variegato e variopinto mondo delle specie si aiutano i ragazzi a prendere consapevolezza delle tematica legate al Sud del Mondo e, in un’ottica interculturale, ad imparare a valorizzare le diversità esistenti e a conoscere il Commercio Equo e Solidale.

 

     

Modulo 3 | Diritti

     


DIRITTI IN FIABA



Scuola Primaria

Destinatari
una classe di 25 bambini

Durata
2 ore


 


Il laboratorio con l’ausilio di una raccolta di favole scelte e collegate agli articoli della Convenzione ONU.

Si propone di far conoscere i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, di spiegare ai bambini e ai ragazzi l’importanza che essa ha per loro, per la loro crescita e per la loro vita.
 
Obiettivo
Far conoscere la convenzione dei diritti dei bambini e dei ragazzi.

     


IL SACCHETTO DI CARTA



Scuola Secondaria
di I grado

Destinatari
una classe di 25 ragazzi

Durata
2+2 ore

 


La crescita delle grandi città è più rapida nei paesi in via di sviluppo, dove molti abitanti lasciano la terra in cerca di lavoro e di un miglior livello di vita.  Ma spesso essi trovano città che si presentano come un accumulo di baracche costruite dai primi arrivati, i quali hanno fallito nel trovare un lavoro regolare.

Calcutta è una tipica città di questo tipo, con vasti problemi.  Nei “bustees”, che furono costruiti per i lavoratori delle fattorie 100 anni fa, abitano più di tre milioni di persone; quasi 250.000 dormono semplicemente in strada e la meta della popolazione della città non ha un lavoro a tempo pieno.

Là dove non può esservi lavoro in senso formale, la gente stessa ha creato le sue attività e i suoi servizi: lustrascarpe, rickshaw, sarti, piccoli rivenditori di frutta e verdura.

Un'altra attività di questo tipo, solitamente svolta dai bambini, è fabbricare sacchetti di carta.

Obiettivo
Mettere a fuoco la realtà e le problematiche dei bambini lavoratori nel mondo.

 

     


SOLIDALE ITALIANO

solidale italiano percorsi didattici

Scuola Secondaria
di I grado

Destinatari
una classe di 25 ragazzi

Durata
2 ore

 


Il Solidale Italiano è un progetto di Altromercato a sostegno dei prodotti contadini e artigianali nazionali che aderiscono ai valori del commercio equo e solidale.
Esso si propone di far crescere iniziative locali esistenti nell'ambito dell'agricoltura sostenibile, della cooperazione sociale e dell'economia carceraria.

I prodotti da agricoltura solidale e sostenibile crescono su terreni liberi dalla mafia, dallo sfruttamento e dal caporalato. Sono prodotti d'eccellenza, biologici e biodiversi, capaci di offrire una produzione di alta qualità insieme al valore aggiunto della lotta, della libertà e del rispetto di chi coltiva la terra.

I prodotti da economia carceraria uniscono la cura per le materie prime, e per la lavorazione, a un'attenzione particolare verso il percorso personale di chi crea questi prodotti, offrendo loro una nuova opportunità di riscatto sociale.

Obiettivo
Far conoscere attraverso filmati esplicativi le diverse realtà del Solidale Italiano e riflettere sull'etica del loro operato.

 

 

 

 

 


 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per informazioni contattare
Cristina Telazzi

e-mail: info@ilsandalo.eu; cristina.telazzi@alice.it
Tel. 02 96280295 - Cell 334 6203614
Il Sandalo Equosolidale Corso Italia, 58
21047 Saronno VA



   
instagram facebook twitter Youtube
Il SANDALO bottega del commercio equo e solidale
Corso Italia, 58 angolo Vicolo Santa Marta, Saronno (VA) e-mail: bottega@ilsandalo.eu
Top